a Home
n
g Mission
l
f Il progetto
l
freccia Cronologia dell'intervento
u
f Link
h
b Contattaci
Per qualsiasi informazione contattateci pure al nostro numero telefonico oppure inviate una mail a: info@logisticacentroitalia.it
 
Visita la sezione Agglomerato Visita la sezione Bretella di collegamento Visita la sezione Impianto di Depurazione
 
Impianto di Depurazione
 

L’impianto di DEPURAZIONE CONSORTILE A SERVIZIO DELL’AREA DI SVILUPPO INDUSTRIALE DI PASSO CORESE – FARA SABINA sorge fuori dalla fascia di rispetto del tratto di strada che collega la S.S. n. 4 Salaria all’autostrada A1, e localizzato all’interno della zona a servizi del piano regolatore del Consorzio per lo Sviluppo Industriale della Provincia di Rieti.

Detto impianto sostituirà quello esistente, che già ora risulta insufficiente rispetto alle mutate esigenze della popolazione civile che negli ultimi 20 anni si è insediata nella zona, sviluppando il territorio in maniera considerevole.

Le aree interessate dalla rete fognante e dal relativo impianto di depurazione sono quelle dell’intera frazione di Passo Corese e dell’ Area di Sviluppo Industriale, della superficie di circa 200 Ha. I criteri adottati per la progettazione dell’impianto di depurazione sono i seguenti:
a) Trattare una portata tre volte quella nera in modo che la prima portata di pioggia subisca almeno una adeguata grigliatura e sedimentazione, ciò anche ai sensi dell'art. 9 del "Testo coordinato delle leggi regionali sulla disciplina delle acque di scarico provenienti da fognature pubbliche e da insediamenti civili”;
b) Denitrificazione e defosfatazione delle acque in modo che tali parametri all'uscita degli impianti siano al di sotto dei limiti di tabella "3" della legge 152/99;
c) Disinfezione finale dell'effluente in caso di necessità particolari;
d) Produzione di fanghi di risulta stabilizzati, non maleodoranti, concentrati e disidratati al punto da essere palabili, facilmente trasportabili su idonei automezzi.

L’impianto di depurazione nella sua configurazione finale è in grado di trattare una portata di reflui pari a 30.000 abitanti equivalenti, calcolata come somma delle utenze civili, circa 10.000 abitanti fra residente e fluttuanti, e di quelle industriali, stimate in 20.000 abitanti equivalenti, in base alle previsioni di piano.

 
Planimetria
 
Torna alla sezione Progetto